Accompagnami, ma non troppo…

Accompagnami, ma non troppo…

“Mi accompagneresti a scuola? SI però mi raccomando non davanti all’ingresso altrimenti poi mi prendono in giro…”

E’ così che ogni mattina mi imbatto in nonni, genitori e auto che nei paraggi delle varie istituzioni scolastiche…

Si mettono a lato, scaricano zaini e cartelle varie… Un bacio, una carezza, un saluto veloce e via… Con un occhio rivolto alla coda a chiedere permesso per poter rientrare nel traffico e l’altro al fagotto o all’adolescente appena scaricato/a a vedere il suo incedere verso la scuola…

E la mente ritorna a quando si era studenti e la si pensava, sbagliando , alla stessa maniera…

Si chiedeva fiducia e allo stesso tempo  si temeva il branco che non aspettava altro per poter prendere in giro e sfottere se ti vedeva accompagnato fino all’ingresso…

Un gesto gentile, di amore, di sensibilità che invece veniva trasformato e dava spunto a stupide e insignificanti prese per i fondelli, dettate forse più per invidia o tristezza che per la vera attenzione genitoriale…

Ora che sono adulto, capisco il sentimento di quei genitori e allo stesso tempo ricordo quello del ragazzo che fui….

Quella libertà di potersi muovere serenamente e in libertà… Una fiducia conquistata quasi a forza e poi conservata gelosamente perchè ritenuto uno step per diventare “grande”… quando in realtà forse era semplicemente  una difficile scelta che i grandi fanno tutt’ora nei confronti delle loro piccole quanto amate creature…

Dunque quando chiedete di essere accompagnati/e ma non proprio davanti, provate a pensare a chi lo fa, alla fortuna che avete se qualcheduno lo fa, ma ancor più a mantenere vivo quel ricordo perchè, è un augurio, prima o poi toccherà anche a voi e allora, solo allora, forse, capirete…

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: