Agli albori di internet…

Quarantanove anni fa, oggi, era un mercoledì. Esattamente mercoledì 29 ottobre 1969.

Grazie all’idea geniale di uno studente, tal Charley Kline prende vita il primitivo  collegamento remoto tra due computer.

Erano le 22,30, quando quello studente effettuò il primo collegamento remoto tra due computer, fra l’università della California e lo Stanford Research Institute.

Il suo tentativo di inviare un messaggio, digitando come testo il termine login, s’interruppe bruscamente e al destinatario arrivarono soltanto le prime due lettere.

Questo esperimento fu salutato come la nascita di Arpanet, la prima rete di trasmissione dati realizzata dal Darpa (agenzia del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti) esclusivamente per scopi militari.

E’ realistico pensare che internet, come la conosciamo noi oggi, nacque grazie a una brillante intuizione e venne elaborata principalmente per scopi militari.

Tutto era partito dall’esigenza di rispondere con efficacia allo smacco del lancio dello Sputnik, con cui l’Unione Sovietica aveva affermato la sua supremazia in campo tecnologico.

Gli USA risposero creando l’Arpa (Advanced Research Projects Agency) nel 1958, con il principale scopo di costituire una complessa rete di comunicazione militare, in grado di resistere a un attacco nucleare.

Pensate che per il progetto arpanet fu stanziato un milione di dollari.

Sette anni dopo si delineò la struttura della futura “internet” e si istituì il protocollo di controllo trasmissione (TCP), essenziale per la comunicazione tra reti di computer. 

Verso la fine degli anni ’80 il progetto perse definitivamente la sua valenza nell’ambito militare, rimanendo appannaggio delle sole università che ne fecero un valido strumento di relazione e condivisione delle conoscenze scientifiche.

Con l’inizio degli anni ’90 arrivò la svolta con l’invenzione del World Wide Web ovvero l’attuale internet (o quanto di più similare ci possa essere specie valutando la sua fase embrionale.) 

Non ci volle molto a far diventare la rete un vero e proprio fenomeno di massa.

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: