Canta che ci passa.. (L’alfabeto ai tempi del coronavirus…)

Non è facile per i bambini…

Non è facile per i genitori…

Eppure c’è sempre un briciolo di speranza e di buon senso che trasuda anche dalle parole di una canzone che, nella sua tonalità triste, ci fa capire quanto sia sentita l’attuale situazione anche dai piccoli.

Quando siamo in difficoltà, quando ci sentiamo giù di morale perchè fuori fa bello e siamo obbligati a rimanere a casa, quando si trova con difficoltà la giusta motivazione per rispettare le regole… ecco che bene sarebbe cantare questa canzone filastrocca insieme…

Recitarla e aiutarci a ricordare quanto sta accadendo…

Vi propongo il testo:

A- come ammalato
B- come bambino
C- quella corona che in testa non vorrò
D- come dottori
E- come energia
F- la farina che domani troverò

G- non c’è più gente
H- acconsente
I- il DPCM di andare a lavorar
L- di lavagna
M- di maestra
N- nonostante tutto siamo qua

O- come ospedale
P- per non andare
Q- in quarantena trenta giorni resterò
R- che racconto
S- di speranza
T- tutto andrà bene questa storia finirà

U- ricorderemo
V- ve lo promettiamo
Z- zero compromessi, nel futuro già lo so
Rispetto del pianeta, feste con gli amici, pranzi di famiglia, ho già tutto già lo so…”

La voce della mamma, che accompagna la cucciola nel cantare, si fa coraggio e si spezza in alcuni punti cruciali della canzone e alla fine è come se un nodo in gola si presentasse di fronte a quel “ciao” detto agitando le manine in segno di saluto e di speranza…

Grazie! Grazie per questa bella testimonianza e per questa cosa… che sebbene sia stata inventata, rende bene l’idea del momento che stiamo vivendo insieme…

Grazie per averla condivisa a Valentina.


Filastrocca dell’alfabeto ai tempi del coronavirus

Esprimi il tuo giudizio sul post

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: