Cari politici valdostani…

consigliovda

Sarà interessante il prossimo Consiglio Regionale perché da quel che ho capito non si potranno preparare discorsi da leggere a menadito e sarà difficile menare il cane per l’aia e volendocela dire tutta fra i tagli le tagliole e i ta

gliarini di coloro che sono alle strette ci sarà da capire bene ciò che ancor non è ben chiaro nemmeno a chi ci dovrebbe spiegare chiaramente alcune cose che sono nebbia fitta e insidiosa di certe menti… Interessante sarà capire, collaborare ma sopratutto non ciarlare… Si parlerà del futuro delle famiglie che hanno diritto di sopravvivere perché non possono contare su più stipendi o emonumenti che si sommano per cariche presiedute e che quindi dei tagli se ne possono infischiare… Esistono famiglie esposte, imprenditori che chiuderanno, ditte che lasceranno a casa indipendenti… Già! Proprio quelli che le tasse le pagano, proprio quelli che vi votano e vi hanno messo in quei posti per essere tutelati e per fare gli interessi di tutti e non quelli di pochi o dei soliti noti….perché sono i volti ignoti che chiudono, che sono licenziati, che hanno il coraggio di togliersi la vita perché non hanno più nient’altro di cui essere spogliati se non la dignità di essere uomini e donne facenti parte di una società che si preoccupa più del prestigio che dell’umanità! Lo dico come appello a quelle persone che mi leggono e che possono capire ciò che dico e non di certo a coloro che faranno i sordi senza sentire ciò che fa scomodo udire… Ricordatevi bene chi vi ha dato il potere e ricordatevi bene anche come lo avete ottenuto e ogni tanto chiedetevi e chiedeteci se ve lo meritate! Non aspettate di essere in campagna elettorale! Il vostro potere fatelo valere ora! Siate come quei padri e madri di famiglia che guardano costantemente i loro cari negli occhi e vivono ogni giorno con il timore del futuro! Siate anche voi animati da questo spirito! Calatevi nella parte delle famiglie, di quelle che vi hanno creduto al punto tale da darvi la fiducia! Ripagateli ora con un buon operato e non perché hanno conservato nel portafoglio il vostro santino da sfoderare per ricordarvi promesse non mantenute! Siate sinceri prima con il vostro essere uomini e donne di potere, un potere superiore che vi permette di decidere del futuro di molte famiglie, non solo delle vostre… E quando sarà tutto finito, abbiate il coraggio di guardare con lo stesso orgoglio i vostri famigliari come coloro che sperano nel domani! Siate orgogliosi di voi, ma non per aver steso gli avversari politici con la battuta giusta, siate orgogliosi si esservi battuti per coloro che si sono affidati a voi con il voto onesto e non di timore o di reverenza. Siate responsabili anche nei confronti di coloro che stufi di essere presi in giro non hanno avuto il coraggio o la voglia di votare. Fategli capire con il vostro operato e le vostre scelte che era importante il loro parere e la loro opinione. Non ammorbate l’animo di chi ciecamente o per fede vi ha creduto perché non farà altro che aumentare il popolo di chi crede che “questo o quello per meno pari sono….” e mentre lo dice crede che siete tutti uguali nel pensare alle ingiustizie subite e alle promesse non rispettate… Il popolo siamo noi e siete voi! Siamo tutti noi è dobbiamo ascoltarci e non arroccarci su posizioni prese… Ascoltarci vuol dire provare a capire le difficoltà a sbarcare il lunario della gente! Perché la gente siamo noi!!!

Signori politici tutti, nel prossimo futuro preoccupatevi di meritare non tanto lo stipendio ma il rispetto e la stima delle persone che vi vedono attenti ai loro problemi e non alle classi o ai club dei soliti noti,ugualmente riconoscenti e rispettosi senza dubbio! Provate a vivere fra la gente e in mezzo alla gente comune. Prendete con loro i mezzi pubblici, andate a vedere come e i che condizioni vivono e non solo alle sagre o alle feste…il miglior reality è la vita reale di chi vi ha messo li dove siete (e non alle logiche e alle strategie di movimento o partito).
Quantomeno provateci, forse non sarete tanto allineati ma di sicuro sarete più capiti e apprezzati!
Questa è una semplice e umile preghiera che sono certo verrà disattesa, criticata, politicizzata (pur non avendone alcuno scopo perché valida per tutti), ignorata e…
Sarebbe bello invece la leggeste, la rileggeste e ancora la rileggeste… Utile per farsi un esame di coscienza (laddove sia necessaria e/o ce ne sia una…) e per farvi correggere il tiro prima che sia troppo tardi e la gente si svegli da questo strano torpore in cui vive…
Come sempre….meditate gente.. Meditate….

One Reply to “Cari politici valdostani…”

  1. Letto con attenzione… Conferma la preoccupazione che tanti cittadini, disoccupati, cassaintegrati, precari, giovani che non sanno dove sbattere la testa, ci rappresentano da oltre 3 anni… Noi non ci siamo svegliati ora: ma solo insieme possiamo uscirne con più equità e solidarietà!

Lasciami la tua opinione :)