Storie di donne che si amano

Donne che amano donne

Arriva sul web la prima serie italiana tutta al femminile: LSB – the series, visibile su YouTube. Le ideatrici della serie, raccontano le vicende di sette ragazze le cui vite si intrecciano nella Roma di oggi. Sin dalla prima stagione, emerge la voglia e l’impegno di tutte le protagoniste di confezionare un prodotto che rispecchi il più possibile la vita quotidiana delle donne lesbiche italiane; una comunità nutrita di donne che non trova ancora nel nostro Paese un riconoscimento adeguato. Amore, amicizie, tradimenti e non solo. Le ragazze di LSB sono ragazze che ogni giorno affrontano la vita e i suoi ostacoli, gioie e dolori; lo fanno però senza perdere di vista la loro identità: donne che amano altre donne.

Una tematica sicuramente ancora poco affrontata nel panorama cinematografico e televisivo italiano, e che proprio per questa ragione rende LSB non solo qualcosa di non visto finora, ma anche e soprattutto un insieme di storie in cui molte ragazze di ogni età possono ritrovarsi, confrontarsi e soprattutto emozionarsi.

Un estratto di un articolo dell’ huffingtonpost.it che ho trovato interessante. Nella settimana in cui con la visione di massa di 50 sfumature, vede tornare a parlare di tematiche che solitamente restano nascoste per paura, vergogna, timore, giudizi facili e pregiudizi.

C’è imbarazzo e intolleranza a accettare situazioni che noi non siamo in grado di capire o apparentemente non vogliamo capire, per poi vederci di nascosto andare ad informarci o spiare sulla rete per cercare di capire di che si tratta.

Le diversità, specie se non comprese o tollerate, fanno paura e più per ignoranza che per il reale potere destabilizzante…

Questo è il primo di alcuni post che intendo dedicare sul tema, anche per aprire un confronto con le persone che leggono questo blog oltre che per rispettare il motto che racchiude la maggior parte degli interventi…

…meditate gente, meditate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*