Home : cerniere : Federico & Nonna

Federico & Nonna

Federico Fellini, vedeva la sua luce 100 anni fa.

Mia nonna mancava 4 anni fa.

Date. Ricordi. Si intersecano e lo fanno nella nostra vita come ingredienti di un minestrone pazzesco…

Colei che mi ha tagliato il cordone ombelicale quando sono nato, che preparava la merenda quando tornavo da scuola, dalle elementari… che aveva delle manone incredibilmente segnate dai lavori, talvolta con dei calli, proprio per le varie attività svolte…

Complice e vittima di momenti ricchi di risate, di scherzi, di zingarate, di scene epocali… di cerniere aperte e chiuse ripetutamente in una primissima mattinata in riva al mare, alla ricerca di un pettinino…

Di Tabasco spacciato come innocente salsa di pomodoro, versato abbondantemente in un bel piatto di pasta e poi gustato con innocenza nel sentire immediatamente esplodere quel pizzicore che porta a esplodere una parolona seguita immediatamente da un “scusate il pubblico!” perché nel frattempo la gente si era stupita e girata a cercare di capire cosa fosse accaduto…

Complice nella città eterna di Venezia, a cavallo dei leoni, a ballare in una città semi deserta e da poco bagnata dalla pioggia… con l’allegria e il piacere della vita…

Forte, coraggiosa e ribelle… alle imposizioni, agli eventi e alle violenze, siano esse verbali che fisiche… alle prove della vita e delle persone, al tradimento e all’abbandono… ma volenterosa sino all’ultimo…

Guai a toccare il tempo e i cucù, anche solo per scherzo, ma era un gioco delle parti, come lo spronare anche in maniera poco carina pur di avere delle risposte, delle reazioni…

Rimangono i ricordi, indelebili e resistenti al tempo… i sorrisi, le discussioni, le risate, le passeggiate, le lacrime, le tante avventure e le parole dette e non dette…

Rimangono fotogrammi di una vita, di un viaggio, di un percorso in parte condiviso… emozioni che vivono con noi e non ci lasceranno come invece ha fatto la carne che si è trasformata e con lei la tua essenza…

Di Fellini rimangono film indimenticabili, pellicole e storie conosciute ai più e a disposizione della massa…

Di te rimangono, riecheggiando, le parole, le domande, la forza e quei ricordi che nessuno potrà magari sapere e condividere, ma che rendono la nostra vita una vera opera d’arte… un film da Oscar che nessuno portà vedere, sapere o criticare, ma di cui noi ricordiamo bene sia il copione che il suo svolgimento…

A te che piaceva la musica, specie il liscio… a te che piaceva la vita e il mangiare, il buon mangiare… dico, con un pizzico di nostalgia e di amarezza, ma sereno nel saperti comunque e sempre con noi anche se in forma diversa… GRAZIE!

Ci manchi, ma un giorno torneremo insieme… e credici… porterò con me del tabasco…quindi preparati…

Intanto posto queste mie righe con una colonna sonora a cui sono particolarmente legato e che spero, sentendola, ti scaldi il cuore e faccia piacere… Ti immaginerò leggera nel danzare come a Venezia su queste note, libera dai dolori, dai problemi e dai pensieri… libera…finalmente libera..

***

Esprimi il tuo giudizio sul post

Marco

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: