Fra parole, pensieri e destini…

Ci sono parole che non sentirò mai pronunciare, specie rivolte alla mia persona.

Parole con un peso enorme, macigni che pesano nel cuore e in una normale vita.

Non mi sentirò mai salutare con “ciao papà!” oppure sentirmi chiamare così per cercare di risolvere un problema, un consiglio, una grana, uno sfogo, un voto brutto o bello, un ginocchio graffiato, uno schiaffo dato o ricevuto, un litigio o cos’altro ancora…

Lo so che è un pensiero stupido, anche perchè innesta una serie di pensieri e ragionamenti che non fanno bene…

In realtà non so nemmeno se sarei all’altezza o in grado di essere un genitore. Non so nemmeno se sarei un buon genitore o meno!

Non so quale sia il mio destino o percorso….

Non mi è dato saperlo (e forse bene così perchè, sono sicuro, a saperlo farei di tutto per guastarne i disegni), quindi mi vivo il mio presente per quello che è e per ciò che mi offre o propone, giorno per giorno…

Talvolta riesco ad essere grato per quanto ho e ricevo come manna dal cielo, come grazia ricevuta… altre volte invece, rimugino sù su quanto ero, quanto sono, quanto avrei potuto essere e quanto vorrei diventare…

Evito di incontrare il mio viso nello specchio perchè non mi ci riconosco e nemmeno mi ci rivedo con piacere.

Evito di raffrontarlo a quel bimbo brigante e solare che ero, e che a grande fatica, cerco di mantenere vivo e presente dentro di me…

Quell’animo positivo, allegro, burlone, giocherellone, incosciente e spavaldo della vita, delle prove, dei problemi, del tempo…

Piccole grandi mancanze che sanno creare vuoto e far star male… un male passeggero che poi passa… deve passare…

Insomma…. un’altro giorno fra parole, pensieri e destini…

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: