Grazie a tutti…(ora e per sempre…)

GOOGLE…che dire… semplicemente grazie!
Grazie a coloro che mi hanno messo al mondo, grazie a chi mi sopporta da una vita, grazie a chi è al mio fianco (nonostante io non lo meriti), grazie a quelle amicizie che non sono solo di circostanza o di apparenza ma che hanno sostanza e sanno darti un abbraccio nel momento del bisogno, grazie a chi, suo malgrado, se be è ricordato/a più per circostanza e dovere che per il piacere reale…, grazie a chi comunque un cenno lo ha dato… e grazie anche a chi se ne è dimenticato/a, per qualunque motivo sia… e grazie anche a Google che mi ha accolto con un logo che ha strappato un sorriso compiaciuto….

Non sono una persona che ama festeggiare i compleanni, come capodanno per altro…
Può esssere che abbia dei bellissimi ricordi che non potranno essere superati di compleanni trascorsi con le persone che amo e che saranno comunque indelebili sino a che questa testa se ne ricorderà, o semplicemente perchè mi rifiuto di essere “obbligato” a trascorrere in maniera diversa un giorno che in definitiva per poche persone oltre a me può avere un significato mentre per molte altre è un normale giorno di routine o particolarmente importante da essere ricordato.

Sono decisamente “greundzo” sotto quello, e molti antri punti di vista… (e me ne scuso specie con chi potrebbe sentirsi ferito/a e/o toccato/a da quanto sto scrivendo in questa riflessione).

Come per altre date, istituzionalmente calendarizzate, la vecchiaia, mi ha portato a essere particolarmente restio alle forzature, a tutte quelle circostanze che cadono quasi a voler illudere di situazioni migliori o di attenzioni che per tutto il resto del tempo normale vengono meno… Non mi riferisco a coloro che sanno di esserci nel mio cuore, nella mia testa e scorrono nel mio corpo non solo come pensieri costanti o come parte di me, ma di coloro che se non c’è un social a ricordare alcune cose non ci sono…. Mi rifiuto di pensare che la mia umile e misera vita debba essere ricordata da un social e non dalle persone che si definiscono , per opportunità o per comodo, amiche… Dò un valore all’amicizia ben diversa da quella leggera e poco significativa che portano certi social a definire tale (pur essendoci presente e con molte conoscenze”). Ecco. La cosa corretta potrebbe essere quella di definire le persone amiche e quelle conoscenti, sarebbe una catalogazione più corretta e coerente.

Sapete qual’è la cosa triste? (stupida indubbiamente ne sono consapevole) E’ quella di rendersi conto di essere forse arrivato alla metà di un percorso che voltandomi alle spalle mi ha lasciato tante cose belle ma anche delle cicatrici su cose meno belle… Si dà maggior peso alle cicatrici che ai bei ricordi perchè le cicatrici sono evidenti mentre le cose belle sono semi nascoste e occorre conservarle con parsimonia ma anche molta gelosia perchè sono momenti, sono parole, sono attimi che volano via e che cerchiamo di ingabbiare per tenerli vivi con noi…
Ciò che mi spaventa e che un pò mi rattrista è che vedo, anche in relazione alle persone a cui voglio bene, aumentare le cicatrici e diminuire gli scrigni in cui conservare quei bei momenti… E mi sento così ancor più ingrato nei confronti di una vita che tanto mi ha dato e mi sta dando perchè mi rendo conto di desiderare, di volere di più, senza accorgermi che già molto ho e che vi sono persone che così tanto non hanno… ma sta nell’essere umano desiderare il meglio, se non per sè per le persone a cui vuole bene….

Non so quanto percorso ho da affrontare in questo viaggio strano… A volte è un sentiero ripido e scivoloso, altre una passeggiata sulla spiaggia all’imbrunire… altre una strada comoda alternata a strada trafficata e in cui è difficile vedere oltre il proprio naso per la fitta nebbia che spaventa ma che non ti impedisce di andare avanti nonostante le mille difficoltà…

Ecco, vorrei poter raccogliere più preziosi scrigni e poterli gelosamente conservare che imbattermi in ombre e nuove cicatrici… Egoista? Forse, o semplicemente desiderio di poter condividere questo percorso con le persone amate e sincere e le altre vederle scorrere e lasciare che il tempo renda a tutti giustizia a suo modo.

Sono restio a festeggiare perchè non mi va di “recitare” una parte in cui non mi riconosco… Vorrei semplicemente poter essere me stesso ed essere accettato per quello che sono (e le persone che ho al mio fianco di importanti lo sanno e loro malgrado mi conoscono e lo sanno…) e non essere uniformato… Non sono, credo, mai stato avezzo a seguire mode o di tendenza o alla moda… non mi interessa, non ne sono naturalmente portato, non fa per me! Io sono ciò che sono perchè così sono diventato vivendo sin qui il percorso della mia vita per come l’ho vissuto, nel bene e nel male.

Questo vorrei che si potesse dire di me anche il giorno in cui non ci sarò più.
Non mi farebbe per nulla piacere sapere che vi sono delle persone che piangono, perchè quando andrò via non ci sarà alcun motivo di piangere… occorre ricordarsi delle persone, amarle e volergli bene per quello che sono, fino a che sono in vita… piangere dopo, portare dei fiori alla tomba o ricordarsene quando è tardi, per me, non ha alcun senso e significato.
Qualora dovesse accadermi qualcosa quindi sappiate che preferirei di gran lunga che faceste festa, perchè  lì si avrebbe senso! Sarei ricordato con un sorriso, per un motivo diverso e con piacere e non con tristezza o amarezza… Ecco, datemi un sorriso, sincero, onesto, reale, vero, dal cuore… Questo è il regalo che vi chiedo non per il giorno del mio compleanno ma per quando non ci sarò più.. perchè allora vuol dire che mi avete conosciuto e mi volete bene ogni qual volta quel sorriso torna a risplendere sui vostri visi…. quindi… di cuore e a tutti/e…

(Comunque devo ammettere che sono state diverse le persone che se ne sono ricordate, fra di queste piacevoli sorprese inaspettate… Più di quante mi aspettassi… Seppur sospetti lo “zampino” amorevole di qualcuno….)

…e comunque, nonostante tutto, Grazie a tutti…(ora e per sempre…)

Grazie anche a chi in un giorno piovoso come quello di ieri ha aspettato a fianco del suo motorino in nostro rientro a casa… (…scopa, ori, premiera, settebello, denari, carte…)

5 Replies to “Grazie a tutti…(ora e per sempre…)”

  1. Caro cugino, anche se nel corso degli anni non ti ho fatto gli auguri direttamente…. il 3/3 di ogni anno ho sempre avuto un pensiero per Te. Comunque ancora AUGURI e a presto.
    Ella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*