ICE

ICE_In-Case-of-Emergency-simboloTranquilli non è la sigla di un nuovo balzello… In Case of Emergency che tradotto corrisponde al nostro italiano In Caso di Emergenza.

Di cosa si tratta? Esistono diverse teorie in merito.
La prima è la forma più conosciuta e appartenente a una bufala, più er la forma con cui viene presentata ovvero:

Gli operatori delle ambulanze hanno segnalato che molto sovente, in occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono portatile. Tuttavia, in occasione di interventi, non si sa chi contattare tra la lista interminabile dei numeri della rubrica. Gli operatori delle ambulanze hanno lanciato l’idea che ciascuno metta, nella lista dei suoi contatti, la persona da contattare in caso d’urgenza sotto uno pseudonimo predefinito. Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE (=In Case of Emergency). È sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona da contattare utilizzabile dagli operatori delle ambulanze, dalla polizia, dai pompieri o dai primi soccorritori. In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare ICE1, ICE2, ICE3, etc.Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile. Se pensate che sia una buona idea, fate circolare il messaggio di modo che questo comportamento rientri nei comportamenti abituali

In realtà l’iniziativa non proviene dagli “operatori delle ambulanze”, ma da un singolo paramedico inglese, Bob Brotchie, che nel 2005 fece questo tipo di proposta che venne riportata anche su di un sito della sanità pubblica britannica.

I problemi del sistema sono:

  1. in caso di emergenza il soccorritore si deve occupare del ferito e non del telefonino
  2. il cellulare è un oggetto che spesso si rompe in caso d’incidente
  3. nessun corso insegna ai soccorritori come si accede alla rubrica di ogni marca e modello di cellulare
  4. frugare nella rubrica del cellulare potrebbe essere considerata una violazione perseguibile della privacy
  5. la sigla ICE funziona in inglese, ma non in altre lingue
  6. se il telefonino è spento, bloccato con un PIN o scarico il sistema è inutile
  7. ci sono varie proposte contrastanti (ad esempio 1ICE, 2ICE ecc.)
  8. Aggiungere la voce ICE al proprio cellulare potrebbe scoraggiare dall’uso di precauzioni ben più efficaci (come un foglio di carta con riportati i contatti dei parenti e le proprie notizie mediche).

Per questo motivo, il LAFD (Los Angeles Fire Department) raccomanda di usare questo metodo solo dopo aver inserito le stesse informazioni nel proprio portafoglio.

Esiste anche un sito che propone soluzioni alternative….

Personalmente credo che potrebbe comunque essere una buona idea utilizzare entrambe le combinazioni. Indicare questi numeri sia su un foglio o cartoncino da portare con sè e magari allegare ai documenti di identità, sia segnarli sul proprio telefonino… In fondo, con le tecnologie moderne, abbiamo tanto di quello spazio nelle attuali agende che aggiungere un numero non costa nulla e forse può realmente essere utile. Voi che ne pensate?

Buona giornata e buona vita bella gente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*