Ignoranza senza limiti (di velocità…)!


Riporto lo sfogo postato su Facebook inerente la questione/polemica posizionamento "velo ok" sulla Strada Statale 26 nel paese di Sarre.

Sono incazzato, deluso, amareggiato e mi scuso per questo sfogo, per i toni che utilizzerò e per quanto dirò… (e vi invito a leggerlo bene e più di una volta questo scritto prima di commentarlo…)

Certo che in rete dilaga una certa ignoranza che fa paura! Quasi come l'arroganza di chi per non voler rispettare norme e regole si preoccupa di mal pensare e di storpiare ciò che di buono si cerca di fare… sono quelle persone che hanno tanto da criticare ma poco si impegnano in prima persona per far sì che le cose migliorino e, sapendo molto bene loro cosa è meglio fare, favellano, pontificano, innescano sterili polemiche senza avere alternative e/o argomenti validi da poter difendere e portare avanti in un sensato e pacato confronto… quando si è chiesto più volte loro cosa si poteva fare…tutti/e zitti… ora che c'è chi si prende l'onere e la responsabilità di passare dalle parole ai fatti, tutti/e a criticare… bhe arrivate come sempre tardi… (sarà forse un caso? O testimonianza del vostro totale menefreghismo e disinteresse?) Vi preoccupate solo di dover pagare se beccati ad andare più veloci di quello che si DEVE… quindi distorcete per populismo facile e becero delle decisioni atte a limitare danni che persone come voi possono fare nella loro ignoranza (nel senso che ignorano costi ben maggiori per loro, per la società e per tutti coloro che possono esserne coinvolti in maniera diretta e indiretta…) Abbiate l'accortezza e la decenza del rispetto per chi su quelle strade (per gente che come voi prende alla leggera i limiti di velocità o si distrae anche solo per pochi istanti viaggiando ad una velocità sproporzionata…) ha perso dei parenti, dei cari o ne porta nel cuore o nel corpo e per tutta la vita i segni indelebili…. abbiate un briciolo di cervello e di decoro e vergognatevi!

Andate sulla strada e fermatevi a vedere le età di chi è morto… guardate le croci e i mazzi di fiori disseminati su quel tratto di strada e provate a chiedervi come è successo quell'incidente e provate a comprenderne i motivi e le cause… chiedete a chi lavora in pronto soccorso quante persone hanno visto arrivare dai casi gravi a quelli meno gravi per essere curate o salvate… chiedete a quelle persone che appartengono alle varie forze dell'ordine intervenute per rilevare gli incidenti quante storie conoscono di quella strada… quante sono le vittime che puntualmente ci sono… basta demonizzare le attività commerciali… ci sono sempre state in quei posti, magari non così concentrate, ma ci sono sempre state e proprio da loro partono le richieste e le iniziative per tutelare i loro clienti, i loro lavoratori e la loro attività…pensate a queste cose quando davanti a una tastiera vi divertite a sparare a zero delle castronerie senza senso alcuno! Invece di dire che si vuol far cassa di dica che si deve intervenire perché la gente non rispettane osserva le regole e allora l'unica cosa che rispetta e guarda è al portafoglio… è deprimente dover ricorrere a queste cose per dover far rispettare le regole che per altro tutto sapete e conoscete… ho letto delle castronerie tremende… "ci si distrae"… ma se vi distraete al telefonino! Altro che alla guida e a leggere i cartelli!!! Ricordatevi che siete alla guida di un mezzo e non in salotto…. avete delle responsabilità ben precise e lo sapete perché se così non è forse è il caso che ripassiate le regole o che ridiate l'esame per la patente perché evidentemente non la meritate!

Vergognatevi! Insultate con i vostri nobili pensieri la memoria e il dolore di chi su quella strada, senza colpa alcuna, c'è morto… pensate se ci fosse un vostro caro o un vostro parente fra le tante persone coinvolte se ancora parlereste come fate con leggerezza…
Voi che avete il Sapere e che conoscete al meglio le soluzioni perché non vi sostituite alle Istituzioni che fanno riunioni a non finire, carte e pratiche che rendono annose e lunghe il tramutamento dei progetti in realtà… studi che sono soggetti a regolamenti e norme che nemmeno lontanamente conoscete… che sono vincolati da iter e progetti di cui non sapete nulla… vi siete forse in qualche modo interessati/e? Avete forse partecipato a qualche incontro o riunione? Avete proposto o detto qualcosa prima che si prendessero certe decisioni? NO!
Amate scaricare sugli altri anche le vostre responsabilità… e mentre le altre persone si devono preoccupare di capire quale sia il male minore e come poter operare per il bene della comunità di cui per altro fate parte, voi criticate e ve ne fregate…. complimenti vivissimi! Siete dei grandi!

In realtà, a dirla tutta, vi basterebbe riconoscere che vi va stretto rispettare le regole che già ci sono, perché siete abituati a non rispettarle, ed è più facile istigare che spiegare e provate ad adeguarsi e dover ammettere che forse, dico forse, ci si sbaglia ad essere prevenuti e mal pensanti…
Certo a criticare bastano poche battute e ci si mette davvero poco tempo… a realizzare le cose, a partecipare attivamente, a interessarsi, a documentarsi e a essere propositivi ci si mette di più… ma non si ha ne il tempo, ne l'interesse a farlo… più comodo criticare chi lo fa… "d'altronde loro hanno il tempo di farlo… io no… " vero?
Ben inteso.. chi vi scrive (io) non è certo un santo o un virtuoso per la strada… (anzi devo fare i mea culpa…) ma almeno ho la decenza di riconoscerlo e l'umiltà di ammettere che sbaglio… ma io sbaglio… voi no! Eh già….

Bene! Adesso troverete il tempo per rispondere e motivare (adesso però, non prima chiaro…) i vostri ragionamenti, le vostre idee… e le tante e tante critiche che vi divertirete a scrivere in risposta a questo amaro è discutibile (scusatemi ancora) sfogo…
In realtà sapete che vi dico? Che arrivate tardi… e che dovevate pensarci prima quando era ora (e non dite che non sapevate nulla….)
Si arriva a dover correggere un abitudine, un comportamento sbagliato quando questo diventa una brutta abitudine (e questo non giustifica in alcun modo che essendo diventato abitudine possa essere nuova regola…)

Ribadisco con forza i due concetti…

1) i velox non servono a fare cassa ma a far limitare la velocità di chi in quei tratti sensibili se ne frega dei limiti (evidenti espressi e conosciuti) – della serie che se vai alla velocità giusta (e non ti devi distrarre per andare a quella velocità…) non prendi la multa e il comune non fa cassa, voi non perdete punti della patente e tutti sono felici e contenti…

2) comportatevi su strada come se nel mezzo davanti a voi e dietro o sulle strisce ci fosse un parente a cui volete bene e a cui vi dispiacerebbe succedesse qualcosa…

Vedete? In fondo non è poi così difficile no?

(O forse sì?) bhe nel commentare (fatelo pure anche con cattiveria, date segno e livello della vostra intelligenza…) non insultatevi troppo….

Come sempre (scusandomi per essere stato pesante, prolisso e acido) buona e serena vita bella gente…

Lasciami la tua opinione :)