Warning: include_once(/web/htdocs/www.fmtech.it/home/diario/wp-content/plugins/instagram-feed/inc/class-sb-instagram-gdpr-integrations.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fmtech.it/home/diario/wp-content/plugins/instagram-feed/instagram-feed.php on line 100

Warning: include_once(): Failed opening '/web/htdocs/www.fmtech.it/home/diario/wp-content/plugins/instagram-feed/inc/class-sb-instagram-gdpr-integrations.php' for inclusion (include_path='.:/php7.1/lib/php') in /web/htdocs/www.fmtech.it/home/diario/wp-content/plugins/instagram-feed/instagram-feed.php on line 100
FMTECH - Io ce l'ho profumat
Home : alito : Io ce l'ho profumat

Io ce l'ho profumat

Gwyneth Paltrow sdogana un mercato che fà parlare i giornali, più, secondo me, per il personaggio che per il gesto o il fatto di per sè.

La candela di Gwyneth Paltrow all’odore delle sue parti intime descritta come un mix di «geranio, bergamotto agrumato e cedro giustapposti a rosa damascena e ambra che riportano alla mente la fantasia, la seduzione e un calore sofisticato».

Ora… Inutile dire che l’articolo, inteso la candela, sia andata a ruba… per altro al costo di 70€ circa…

Ma dico io… ci si stupisce di questa cosa? Dai! Siate seri e non mi fate ridere..

A parte che mi chiedo sinceramente come si possa definire il profumo intimo dell’attrice come un mix di geranio, bergamotto (non normale ma agrumato, fate ben attenzione…), con aggiunta di cedro, giustapposti a rosa damascena e ambra…

Ora, vi prego, non recatevi al vicino wc per cercare di odorare la vostra parte intima… se poi avete chi lo fa per voi, provate a chiedere se riesce, con precisione chimica, a definire le nuance che vi caratterizzano e vi differenziano dall’attrice o altre profumazioni…

Il consiglio è quello di effettuare l’operazione a seguito di, almeno, un bidet, magari con un detergente neutro a giusto ph per non sfalsare la corretta profumazione…

E pensare che ci sono diversi siti che si occupano invece di fornire consigli utili per cercare di debellare proprio l’odore che viene prodotto dalle parti intime (vedi per esempio questo…)

Ma poi, a parte ciò… ci stupiamo che avvenga questo?

Il pantyselling è uno dei business nati quasi per caso che lentamente ha preso il sopravvento.

Sapete di cosa si tratta? E’ una idea nata ad alcune ragazze americane che hanno deciso di aprire uno shopping online per la biancheria usata.

Anche semplicemente per pagare le tasse universitarie, esse guadagnano una discreta cifra poiché moltissimi uomini sono interessati ad acquistare l’intimo di ragazze mai conosciute.

La cosa più assurda è che se questi abbigliamenti sono usati o sporchi ecco che il prezzo aumenta…

Gwyneth Paltrow ha capito come farsi pubblicità e allo stesso tempo lanciare una moda che, vedrete, troverà un fiorente mercato di persone che emuleranno l’attrice…

Rido al pensiero che si crei un catalogo con le nuance più svariate e le profumazioni più stravaganti, magari con rinomati estimatori e preparati critici…

Alla fine è un pò come per le bottiglie di vino, come per i profumi…

Già rido,quando vedo professionisti che sanno con un semplice assaggio decantare tutte le caratteristiche di vini (da professionisti riconosciuti quali sono) quando io a malapena sorseggio del vino e riconosco (se va bene) se sa di tappo o è marsalato…

La notizia mi ha portato in mente una datata pubblicità che vedeva un attore dello spot dichiarare “io ce l’ho profumato… l’alito…”

Vi immaginate se Gwyneth Paltrow facesse lo stesso spot parlando della sua… candela….

Proprio vero che basta un profumo di… candela…. e si fa successo… (specie se poi la candela in questione è vip…)

E pensare che d’estate potremmo sdoganare allora Eau d’asscelle… per l’uomo che non si insapona mai… Sai che nuance lì?

Che dire? Buona e (profumata) vita bella gente…

Esprimi il tuo giudizio sul post

Marco

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.