Juke box

jukebox

… dischi a richiesta… Era un programma radiofonico che ho avuto l’onore di condurre per anni in una radio valdostana.

Il suo mattatore originale, scomparve prematuramente… Aveva delle caratteristiche davvero strane… Godeva di un fascino particolare per quanto diceva e amava recitare dai suoi quaderni, le frasi dei grandi che suscitavano effetto in chi lo ascoltava…

In realtà il jube box, era un elettrodomestico, che arricchiva e animava i locali pubblici, lasciando la possibilità agli ospiti di poter scegliere, pagando una cifra irrisoria, il disco da ascoltare e di poterlo fare in ogni momento e quante volte lo si desiderava.

Personalmente mi ricordo che bastavano 100 lire per poter ascoltare dei dischi. Rimanevo rapito dai movimenti interni meccanici che, una volta selezionata la canzone da ascoltare, partivano andando a selezionare il disco da suonare andando a prelevarlo e posizionarlo sul giradischi…

Al termine della diffusione, e quando la puntina raggiungeva i giri corti del disco a 45 giri, un braccetto andava a riprendere il fine disco in vinile per ri-posizionarlo nel suo posto per essere nuovamente messo nel paniere fra i dischi selezionabili…

Spopolano le immagini estive dei juke box dell’epoca anni 50/60/70 sino a quelli decisamente più evoluti…

Oggi sono oggetti  e pezzi rari… Sono oramai in disuso e con un pizzico di rimpianto vengono ancora usati, esposti, conservati…

In un’epoca piena di pennette, di mp3, di lettori di vario tipo, rimpiango un pò, quasi da nostalgico, quei movimenti meccanici del vecchio juke box… (appositamente dico vecchio perchè lo sto diventando anche io…)

Che abbiate o meno avuto a che fare con un juke box reale, o con il programma di dischi a richiesta… anche in questa occasione vi auguro buona vita bella gente….

Lasciami la tua opinione :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: