Ladri di Presepe (vergogna!)

A Natale si è tutti più buoni! (eh! Magari!)

La città di Aosta ha vissuto, nei giorni scorsi, un evento a dir poco incredibile quanto vergognoso…. Ancor più perchè perpetrato in una chiesa…

In realtà esistono persone che non conoscono il limite invalicabile della vergogna.

E’ tradizione, nelle case come nelle chiese, ospitare e realizzare un Presepe che trova sempre un angolo a lui riservato…

Anche il Santo Padre ha esaltato l’importanza e la presenza del Presepe.

“Quando noi facciamo il presepe a casa, è come aprire la porta e dire: ‘Entra, Gesù’. È vicinanza, invito a Gesù perché venga nella nostra vita. Perché se lui la abita, rinasce. Ed è davvero Natale”

Son queste le sue parole, pronunciate in occasione di una udienza il 18 dicembre 2019.

C’è chi ha avuto un forte coraggio ad andare a rubare in Chiesa… e non parlo delle offerte ma delle statuine del Presepe.

Un “rapimento” di massa con l’asportazione di tutte le statuine lasciano integro il solo paesaggio….

Un forzoso esodo di massa che ha creato, oltre che il vuoto, uno stupore incredibile, sia nei fedeli che nel cuore e nell’animo di chi aveva realizzato con cura e amore tale creazione.

A dispetto di quanto accaduto, una volta effettuata la scoperta della dipartita dei personaggi, la popolazione ha reagito portandone altri e ripopolando il vuoto paesaggio….

Ci provo ad immaginarmi la mano furtiva che entra nella chiesa, ne percorre la navata centrale con silenzio e una volta giunta esattamente sotto il crocefisso, opera la sua ignobile azione di asportazione delle statuine presenti appena sotto…

Un furto perpetrato sotto gli occhi del Cristo in croce che ha assistito al rapimento di tutto il villaggio che ne celebrava la nascita….

Posso capire, magari, il desiderio di realizzare un proprio Presepe in casa e magari non avere la possibilità di poterlo fare per mancanza di denaro o di personaggi… ma da qui a derubare le statuine poste sotto un crocefisso e ai piedi di un altare in un luogo sacro… ce ne vuole di “pelo” sullo stomaco e parecchio… (e questo proprio non si può giustificare…)

Riflessioni in calce a tutto questo…

Plauso a coloro che si sono impegnati/e a ripristinare il villaggio del Presepe e sdegno per le mani, comunque colpevoli, di un gesto che definire ignobile è davvero poco…

Nonostante tutto è comunque Natale, ma questo non giustifica certi gesti nè tantomeno questi comportamenti….

L’augurio? Che chi si è macchiato di tale furto, abbia il coraggio e un minimo di dignità nel restituire il mal tolto, magari anche con delle doverose scuse…. (vana speranza secondo me…)

Che dire altro?… Mah!

#crocefisso#ignoti#rapimentochiesafurtoladripresepevergogna