Ma che ne sapete voi di musica?

Domanda più che lecita… Ma che ne sapete voi della musica?

La domanda è rivolta ai giovani che ascoltano un pò di tutto… Si passa dalle sconosciute sonorità asiatiche, ai talenti a scadenza dei talent show, ai gruppi che durano quanto una candela…

Noi che vediamo spegnersi con il tempo gruppi come i Pooh, Dik Dik, Cugini di campagna, e tutti quegli artisti e gruppi, italiani e non, che hanno realmente fatto la storia della musica…

Quante sono le cover e cover band che si riducono a cercare di rivisitare versioni immortali di successi che anche voi giovani cantate? (magari pure snaturati nel significato e/o melodia?)

Per noi, ogni volta che riconosciamo un ritornello, ecco che si risveglia quella parte di cervello con cui sono abbinati quei ricordi, belli e/o brutti… Ecco che la mente parte per un veloce viaggio nei ricordi per poi ritornare, alla variazione di tema, alla dura realtà della tristezza della mutazione del brano originale…

Ma quanto ci mancano i vari gruppi rock (anche se personalmente non ne sono un reale cultore… non abbiatene a male…)

Quanto ci mancano quei gruppi e artisti a cui poterci affezionare, seguire negli anni, che crescono con noi, per cui discutere animatamente con estimatori ed estimatrici di altri/e artisti/e…

Così, fortunatamente e con buona pace delle persone di una certa età…, si smette (fosse vero) di parlare di calcio e si discute, specie nelle sale popolate da anziani o vetusti amanti della musica di un tempo, si riparla di musica… (e finalmente…)

Alla fine anche nell’ 1800 si riunivano per parlare di Verdi, Schubert, Beethoven e chi più ne ha ne metta…

Ce ne accorgiamo già con la mancanza di quei veri tormentoni che segnavano le stagioni e che resistevano negli anni….

La domanda che è naturale porsi è: ma voi di cosa parlerete quando sarete anziani? (a riguardo della musica…)

Come sempre buona vita e buona musica, quella buona…., bella gente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*