Passeggiando nel bosco, osservando i cambi di colore che si possono ammirare i suoi frutti… Capita così di incappare in una minuscola sedia, probabilmente realizzata per elfi o gnomi, in cui sono depositate, sulla seduta, un riccio e una pigna. Apparentemente lì per caso, avvicinandomi ho potuto carpire un dialogo di fantasia..

Ciao pigna. Ciao Riccio, anche tu qui?? Si! Fortunatamente non sono caduto nel fossato… magari qui qualcuno mi osserva e mi porta con sè… e tu? Anche io mi sto mettendo in bella mostra qui nella speranza di non finire sotto una scarpa..

Il riccio faceva bella mostra di sè con quel colore verde e gli aculei ben disposti a protezione del frutto che per tanto tempo ha custodito e che, con la spaccatura del suo guscio, offriva agli occhi di chi, passando, poteva sentirsi ingolosito dall’idea di poterne gustare il sapore con gioia…

La pigna si mostrava fiera, in piedi, nella sua complessa fortma, come un fiore di legno sbocciato nel suo splendore…. Il suo profumo condito con qualche goccia di resina, non del tutto asciutta, distribuiva quell’aroma di bosco tutto concentrato nella sua piccola forma…

Magie del bosco che spesso passano inosservate e che meriterebbero maggiori attenzioni e apprezzamenti… sono frutti di questo autunno…

Buona giornata e buona e serena vita bella gente!

autunnoboscocastagneelfignomigustilibertàmagiaodoripasseggiatapignericciricordisediaspaori
Comments ( 3 )
Add Comment
  • scudoeanfibi
    Silvia

    Buon inizio settimana 🙂

    • FMtech – Sarre, Aosta, Italia – Ho le mie idee, non seguo le mode. Amato da pochi, criticato da molti. Osservo, scrivo, parlo, fotografo, commento, insomma vivo! (o sopravvivo?) Sito web: https://www.fmtech.it Blog: https://www.fmtech.it/diario Twitter: _fmtech_ Instagram: _fmtech_ Telegram: @fmtech
      Marco

      Anche a te di cuore

  • fulvialuna1 – Cammino sempre a due metri da terra, la mia testa vive tra nuvole e venti, tra leggende e figure mitologiche, tra storia e arte....Come dice mio fratello, dovrei vivere in una torre, sulla montagna più alta del mondo; dovrei vivere tra libri, pennelli, tele, colori, stoffe.... Amo le alte vette, ma non disdegno il resto della natura, amo gli animali e il cuore me lo ha rubato un lupo. Amo tantissimo gli uomini che per me sono un mondo incredibile, ma le donne sono la mia forza,; non posso vivere senza bambini e senza le storie che raccontano gli anziani. Amo cucinare, cucire, dipingere, leggere, scrivere diari, scrivere su foglietti che viaggiano nella mia casa come avessero le gambe; mi piace il cinema, il calcio, le moto. Mi piace occuparmi della mia casa e del mio giardino...ma non sono Biancaneve e nemmeno Cenerentola, sono Paola, che per una serie di incredibili storie posso essere anche Penelope e anche Fulvialuna. Il mio sogno più grande è la pace nel mondo, questo mondo in cui cammino sempre a due metri da terra, ma quando ci appoggio i piedi resto ben salda ed è difficile spostarmi, tanto che il mio motto è "...il posto che mi piace si chiama mondo..."
    fulvialuna1

    Grande osservatore….dalla grande fantasia.