Strategie

Per avere successo, per farsi notare, occorre scegliere come apparire e saperlo fare per bene, con stile, classe, qualità e argomentazioni valide, intelligenti e profonde…

In realtà, nella società moderna, conta più l’apparenza della sostanza e solitamente è difficile trovare le due cose sullo stesso binario, anche se debitamente separate dalle traversine.

Se si mostra cervello, senso civico, rispetto, di ragionare con la propria testa, a costo di non appartenere alla massa, di non essere uniformati alle mode o alle tendenze, ecco che si è fuori dal giro…

Lo si capisce già all’asilo! Se non si ha un certo stile, se non si seguono le mode, se non si hanno cellulari dell’ultimo grido… ecco che si viene emarginati…

Crescendo poi le dinamiche necessarie per appartenere a un gruppo, cambiano e si radicano in ben altre scelte, talune anche più pericolose…

Fumo, bere, sostanze, motorini, macchine, social, moda, frequentazioni, sesso, esperienze di vario genere e tipo… ecco che gli elementi si ampliano, come in un diagramma di flusso che ci instrada a seconda delle nostre scelte.

Saper aumentare il bacino di seguito e di ascolto o di supporto può essere facile come no. Tutto sta alle scelte, alle strategie che si adoperano e si scelgono nel corso della nostra vita.

Ogni giorno, specie quando si cresce, ci si trova a dover affrontare una infinità di scelte da operare anche e spesso in breve tempo, al fine di andare avanti (e non sempre poi quelle fatte si rivelano essere le più corrette o giuste…) ma non lo sappiamo quindi scegliamo, andiamo avanti e speriamo che tutto vada per il meglio…

In questa epoca in cui i social imperversano in maniera prorompente, saper scegliere i contenuti di qualità, centellinarli, curarli, scegliere il minuto, l’ora più propensa e adatta alla diffusione, alla massa, è diventato basilare, non solo importante.

Sapete che vi dico? Personalmente non mi interessa!

La testimonianza di ciò è proprio l’immagine scelta a corredo di questo post.

Siate sinceri/sincere… vi aspettavate che avrei parlato di questo basandovi sull’immagine scelta per questo tema?

Credo di no! E questo non fa altro che dare credito alla mia teoria che dimostra che l’apparenza spesso inganna e riesce ad attirare l’attenzione più del contenuto…

Il problema è che questo, prima dell’avvento dei social, lo facevano le persone di persona… ora lo fanno le persone dietro a una tastiera o peggio ancora occupando ruoli apicali e/o di una certa importanza, andando a dare una visione di essi/esse che non corrisponde alla realtà, ma che soddisfa la ricerca e i bisogni immediati della gente… tradendone però, sul lungo periodo, le aspettative e le speranze…

Se avete coraggio ditemi che mi sbaglio, o se preferite, confermatemi quanto vi sto dicendo…

…buona continuazione e buona vita gente…

Esprimi il tuo giudizio sul post

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: