Ma tu, lo sai quanto vali?

“Perchè tu vali!” E’ questo il motto di una pubblicità di sicuro effetto… ma quanto ci crediamo realmente? Sappiamo dare un reale valore a noi come persone? Non mi riferisco al numero di likes che si riceve su un post o ai commenti che si attirano in casi di polemiche pilotate o di discussioni d facile presa… Mi riferisco proprio continua a leggere…

Che Dio l’abbia in gloria…

Solitamente si dice così di una persona che si conosce e di cui si ha un buon ricordo… Questo è stato il mio primo pensiero nel ricevere ieri sera questo messaggio: “Ciao Marco scusa se ti disturbo a quest’ora (erano circa le 23.00)… volevo avvisarti che N. è ormai sedata e da questa sera sta iniziando il suo viaggio…” Ecco… continua a leggere…

La nostra vita a 1/3

La nostra reale vita vale circa un terzo della nostra esistenza… Lo sapevate? Immagino di si! E’ facile fare il calcolo… Più di un terzo và per il lavoro (almeno 8 ore su 24, escludendo i tempi di trasposto da casa al lavoro) L’altro terzo dovrebbe essere dedicato al riposo (che poi è il terzo che in questi tempi moderni continua a leggere…

I doppia faccia

Ritornano ciclicamente in voga i doppia faccia. Mi son reso conto che non ci sono solo per gli onori della cronaca ma anche nella mia vita personale. Nei delitti eccellenti, quelli che “guadagnano” gli onori della cronaca. Chi sono? Sono quelle persone che mostrano una faccia molto casta, molto pulita, nascondendo invece una natura diversa che spesso non emerge e continua a leggere…

Altrove

Una canzone sempreverde… Altrove di Morgan…. Però, (che cosa vuol dire però?) Mi sveglio col piede sinistro Quello giusto Forse già lo sai Che a volte la follia Sembra l’unica via Per la felicità C’era una volta un ragazzo chiamato pazzo E diceva sto meglio in un pozzo che su un piedistallo Oggi ho messo La giacca dell’anno scorso Che continua a leggere…

La famiglia Guareschi

Ecco un libro che mi sento assolutamente di consigliare, specie se volete dedicarvi a delle ore di sana lettura e sopratutto corroborante… Attraverso le storie della sua famiglia, Giovannino Guareschi ha dato voce alle esperienze di tutti i giorni delle famiglie italiane. «Incominciamo come una favola» disse la Pasionaria. «C’erano una volta un bambino e una bambina che vivevano coi continua a leggere…

I vecchi

I vecchi sono i giovani di un tempo. I vecchi sono la nostra memoria storica. I vecchi sono una canzone di Claudio Baglioni. I vecchi sono dei bambini con la pelle grinzosa. I vecchi sono testimoni del passaggio del tempo. I vecchi non sempre sono tutti saggi. I vecchi sono spesso dimenticati. I vecchi, generalmente un peso. I vecchi, a continua a leggere…

Prima o poi…

In viaggio verso lavoro, questo mi sono sentito dire… “prima o poi vedrai che capita…” La frase era riferita al commentare la bella giornata estiva (finalmente) e l’abbigliamento di alcune ragazze incontrate per strada… Il commento è nato istintivamente dalla bocca di chi, con una certa età, ha abbinato il gruppo di giovani, seguito da un gruppo di persone di continua a leggere…

Come i gamberi…

La vita dovrebbe essere vissuta al contrario. Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tricchete tracchete il trauma è già bello che superato. Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno. Poi ti dimettono perché stai bene, e la prima cosa che fai è andare in posta a continua a leggere…

Lei non sa chi sono io

Quante volte vi siete imbattuti/e in questa frase? Quante volte magari l’avete usata voi? Oggi come oggi, per essere visti, per essere conosciuti, bisogna frequentare luoghi, fare vita sociale, essere al centro degli eventi e nel limite del possibile essere al centro di quegli eventi… Per mia scelta, sono abbastanza restio a questo tipo di imposizione come stile di vita… continua a leggere…

Lentamente muore…

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, il colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che continua a leggere…

Donne militare

Scrivevo nel 2006 queste poche righe a termine di una giornata e nell’imbattermi quotidianamente in donne militari… Vi ripropongo questi pensieri.. Spesso, nel tragitto di strada che faccio per raggiungere il lavoro, incontro ragazzi e ragazze in divisa. Quando imbatto nei visi femminili incontro spesso più che la durezza del militare, la dolcezza dell’essere. Non per questo intendo dire che non continua a leggere…

Considerazioni sul 1° maggio

Maggio 5 mese dell’anno. Mese in cui gli studenti si giocano il tutto per tutto (spesso tardivamente…). Mese in cui nell’immaginario collettivo le temperature sono calde ed è difficile vedere la neve… (non da noi in Valle d’Aosta…). Maggio, il mese per antonomasia delle rose e della festa delle mamme…altra data in cui ci si ricorda di chi ci ha continua a leggere…

Tutto uguale… (al 1997)

Riporto nelle prossime righe, quanto avevo scritto nel maggio del 1997 e che ho ritrovato fra vari appunti , sparsi qua e là… scoprendo che, in fondo, il tempo passa ma resta… tutto uguale…. Tra queste rocce così dure e irregolari scorrono i pensieri, tra ricordi e desideri… Il pensiero di alcuni mesi fa, il mare Bhè la pelle in continua a leggere…

La vita in pochi secondi 

   tic tac, tic tac…. Anche oggi scorre il tempo… tic tac, tic tac…. Apri gli occhi al nuovo giorno… tic tac, tic tac….compi cose nel tuo mondo…. tic tac, tic tac…cambiar cose tutt’intorno…. tic tac, tic tac…compie giri sul quadrante…. tic tac, tic tac….ogni istante è importante…. tic tac, tic… Finito il tuo tempo.