Dimmi come guidi…

Puoi leggerlo in: 3 minuti
Occorre una doverosa premessa: personalmente non sono un autista fra i più tranquilli, ma ci sono categorie che riescono a farmi saltare le staffe e non solo quelle… Va comunque detto e riconosciuto che le nostre autostrade restano di gran lunga più sicure delle strade ordinarie. Resta imperativo cercare in continua a leggere…

Il mistero dell’asse

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Asse del water, questa sconosciuta! Sconosciuta per gli uomini che, quando orinano, sembra che debbano marcare il territorio e anziché preoccuparsi di avere un po’ di rispetto per chi viene dopo di loro, lasciano le loro inevitabili tracce sull’asse e non solo… (vorrei vederli se anziché solo pipì dovessero fare continua a leggere…

Villeneuve (CH)

Puoi leggerlo in: 2 minuti
In questi giorni sono stato felicemente assente… Felicemente perchè ho proprio deciso di staccare la spina sia dal mondo sociale che dalla quotidianità che riprenderà come il solito… Abbiamo scoperto una bella località, in realtà poco distante da noi, che merita essere segnalata e nella quale mi riprometto di tornare continua a leggere…

Dietro le sbarre

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Nessuno ne parla, neppure sottovoce, e quando se ne…. straparla, lo stridore che ne fuoriesce è palese, a tal punto da perdere contatto con la realtà, intendo quella vera, quella che fa a pugni con le belle verità e le mezze fandonie. Rifletto sulla percezione che i cittadini hanno di una continua a leggere…

Prova a pensarci…

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Già! Prova a pensarci… Quante volte è capitato anche a te di fermarti davanti a una zona in cui pubblicano le epigrafi e ti sei soffermato/a a leggere, a sbirciare fra le righe…. Le possibilità sono sempre due: 1) andare via con la leggerezza di non aver visto e riconosciuto continua a leggere…

Olivolì, olivolà e la qualità

Puoi leggerlo in: 3 minuti
Così si presentava nel 1969 una nota azienda italiana che oggi nell’astigiano trova la sua eccellenza. Ho avuto la possibilità di scoprire, con mio grande stupore, che vi sono ancora aziende che in Italia operano con professionalità e che impongono alle loro dipendenze restrittive regole non solo per rimanere negli continua a leggere…