Indelebile

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Io, nel caso, per scelta, tu, invece, obbligata/o. Vedi le differenze fra la libertà e la costrizione sono davvero tante! Io se oggi desidero fare un tatuaggio, lo faccio per scelta, per voglia, perchè ne sento bisogno o ne ho necessità, desiderio, qualche cosa da ricordare… Tu, invece, ne sei continua a leggere…

Te la ricordi la schedina? Io si!

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Un rito. Un rito che vedeva, fin da quando ero piccolo, papà accompagnarmi al tabacchino per tentare la fortuna e sperare, ogni fine settimana, in una vincita che potesse realizzare sogni…. Il rito si ripeteva ogni settimana del campionato.non erano diversi solo i temp, i giocatori e le partite…. Si continua a leggere…

Felice mercoledì…

Puoi leggerlo in: 1 minuto
Il mercoledì è il giorno della metà non metà… Per molte persone si è a metà settimana, per altre no. Si inizia a sperare di raggiungere presto il fine settimana, di poter pianificare mille e mille cose per poi stravolgerle all’ultimo minuto per eventi che capitano fra capo e coda… continua a leggere…

Accompagnami, ma non troppo…

Puoi leggerlo in: 1 minuto
“Mi accompagneresti a scuola? SI però mi raccomando non davanti all’ingresso altrimenti poi mi prendono in giro…” E’ così che ogni mattina mi imbatto in nonni, genitori e auto che nei paraggi delle varie istituzioni scolastiche… Si mettono a lato, scaricano zaini e cartelle varie… Un bacio, una carezza, un continua a leggere…

Se io fossi un angelo…

Puoi leggerlo in: 2 minuti
“Io credo nella presenza di elementi misteriosi in mezzo alla gente.Sono sicuro che voi siete cristiani, umani, umanizzati, se non altro;ma sono altrettanto sicuro che, in mezzo a voi c’è qualche presenza misteriosa. qualche angelo… ma non gli angeli dipinti nelle chiese…non solamente loro…Non i Troni, non i Serafini, non continua a leggere…

Someone’s Watching Over Me

Puoi leggerlo in: 1 minuto
Ci sono di quelle canzoni che fanno come i ricordi… restano lì in sospeso, quasi in un limbo particolare per riaffiorare quando meno te lo aspetti… Ci sono sequenze di note che, eseguite in una determinata maniera, ci portano in mente una melodia e la memoria, specie se non più continua a leggere…

Disagi, disagiati, no linea!

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Questa mattina, al risveglio, moltissimi clienti di una nota, e forse la maggiore azienda telefonica mobile italiana, hanno avuto la sorpresa di non avere connettività e la linea telefonica a disposizione. Nessun servizio…. Panico! “e adesso come faccio?” Se questa è stata la prima reazione, la seconda è stata portarsi continua a leggere…

Cuore duro

Puoi leggerlo in: 1 minuto
Passano gli anni, eppure ci sono cose che faccio fatica a portare in soffitta… Ricordi che fanno male, tanto e di cui non riesco a disfarmi… Forse vorrei poterlo fare, essere abbastanza “grande” per riuscire in questa cosa… invece mi accorgo di non esserne capace… E’ ancora troppo forte il continua a leggere…

Un nido dove non te lo aspetti…

Puoi leggerlo in: 1 minuto
Visita al Cimitero di Aosta. Non programmata. Ti ho cercato. Non ti trovavo…. Ho sospettato che ti avessero tolto da dove eri stato messo…. Ho percorso quei corridoi con una stretta nel cuore… Così siamo andati a “salutare” altre persone che non ci sono più… Ho scoperto con piacere, dove continua a leggere…

Resta fino all’imbrunire…

Puoi leggerlo in: 1 minuto
In questi giorni di avvicinamento dell’autunno e dell’avvicendarsi delle stagioni, ecco che viene anche una canzone a musicare gli stati d’animo che si susseguono… Ancora una volta musica e poesia si sposano in un testo dei Negramaro… Resta fino all’imbrunire… Bella poesia, bella canzone, con un video che sapientemente si continua a leggere…

Ma tu chi sei?

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Era la frase che più diceva da quando era entrata a far parte di quell’istituto. “Ma tu chi sei?”. Così esordiva con ogni persona le si presentasse davanti. A volte si aveva l’impressione che sapesse perfettamente chi avesse davanti a sè, a volte, invece, lo sconforto dava man forte alla continua a leggere…

Bei tempi…

Puoi leggerlo in: 2 minuti
Appartengo alla generazione che si divertiva con poco, e già si può ritenere fortunata, perchè quel poco era all’epoca tanto rispetto altre generazioni. Pezzi di legno diventavano pareti per strade, costruzioni particolari o muri da abbattere con le biglie. Una macchinina in metallo piccolina, se rossa, diventava il Generale Lee continua a leggere…