Tifosi ignoranti e indegni (lei è più italiana di voi!)

Sara Gama è nata in Friuli-Venezia Giulia da padre congolese e madre triestina.

E’ ITALIANA e si sente tale in ogni cellula del suo corpo, a differenza di tutte quelle persone che, da ignoranti quali sono, si adoperano per insultarla o per non accettarne il colore e disquisendo, con sproloqui senza senso alcuno, sul suo ruolo, meritatamente conquistato, di Capitano della compagine italiana ai mondiali di calcio femminile.

Ma non vi vergognate a cercare ogni minima scusa, per sprecare ossigeno e termini che non merita?

Gioca a calcio da giovanissima! Dal 2006 si riporta il suo ruolino di gioco in cui , ad oggi, si annoverano 105 presenze in Nazionale, 5 reti e innumerevoli minuti sulle gambe giocati in varie squadre…

Forse ha, senza paura e dubbio alcuno, maggior esperienza di giocatrice di calcio lei che tutte quelle male lingue che si divertono a scanzonarla o deriderla senza accorgersi della magra figura che si cuciono addosso….

E’ una ragazza di merito, di carattere, di coraggio e che porta sul petto, con orgoglio e con amore, uno stemma che cerca di rappresentare al meglio e senza provare vergogna!

Si dovrebbe provare a imparare dagli errori, ma evidentemente no….

Le persone che si divertono a improvvisarsi CT nazionali o nazionalisti (ignoranti) mentre chi ha meriti, sudato, in ogni senso, e meritato il ruolo che ha, dovrebbe godere anche del rispetto e della riconoscenza anche e proprio di quelle persone che invece denigrano e sminuiscono quanto invece sarebbe giusto riconoscere.

Mi dispiace per loro, io mi sento assolutamente rappresentato da chi, come Sara Gama, sta impegnandosi a portare alto il nome di una Italia già di per sè disastrata, poco unita e sensibile, specie nei confronti di chi come lei si impegna in ciò che fa e bene.

Non me ne frega nulla delle sue scelte, della sua vita personale, del suo ruolino di marcia, dei suoi meriti, di ciò che ha fatto o non ha fatto…

A me personalmente importa che mi rappresenta più lei che certi politici o certe persone che tanto hanno in apparenza ma non sono in sostanza!

Non la conosco, ma ho avuto occasione di ascoltare la sua voce, il suo tono, la sua convinzione, il suo rispetto e la sua fermezza nel difendere le sue scelte e le sue idee e portarle avanti con coraggio e una forza d’animo da far invidia…

Ecco… forse, da parte di chi spende vili parole, si tratta di invidia repressa e ingiustificata…

Brucia forse vedere che “delle donne” sono state in grado di fare, con umiltà e senza troppi clamori, quanto i colleghi virili e sovra pagati maschi…

Vedete, mentre l’estate scorsa i malati del calcio si dovevano affidare alle compagini minori nella speranza di miracoli (mancando la presenza degli italiani), in questa estate ci si appassiona più alle forme che alle capacità da riconoscere e (i quelle) da ammirare delle giocatrici mondiali!

Ecco cosa dovremmo imparare tutti/tutte!

A riconoscere il giusto e lasciar perdere i gossip, i pettegolezzi, i commenti malevoli e l’ignoranza generale….

Chissà che si torni a voler bene a quel tricolore che ci rappresenta e in questi giorni non solo per il calcio, ma anche per la pallavolo e per tutti quegli sport anche minori che non guadagnano gli onori della cronaca ma che meriterebbero di più….

Chissà che non sia troppo tardi… chissà…

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: