…e Topo Gigio piange…

Già! Proprio così! Topo Gigio piange e alla notizia ci immaginiamo abbia proferito il suo famoso detto, con occhio languido e fare sornione che lo contraddistingue “ma cosa mi dici mai!”.. In realtà è facile che per una volta non lo abbia detto con la dolcezza che contraddistingue il personaggio ma bensì con una tristezza in corpo, pardon in panno, assolutamente vera e sentita. L’annuncio ricevuto è quello della scomparsa di Cino Tortorella in arte Mago Zurlì. Generazioni di bambini, con lo Zecchino d’Oro sono cresciuti e hanno vissuto, guardato e cantato le avventure sia del topolino, suo compagno di infiniti sipari e di storie. Quanti bambini ha tenuto a battesimo Cino Tortorella. Tantissimi!Tanti coloro che ha dovuto consolare, altri portati alla vittoria delle tante edizioni condotte dello Zecchino portandolo dalla versione in bianco e nero a quella a colori…
Ieri qualcuno mi ha detto “Ora lo Zecchino è davvero finito! Via Mariaele Venrte, via Cino Tortorella, via Topo Gigio non c’è più lo Zecchino di una volta…”

Nello stesso giorno viene a mancare un’altro attore amato, discusso che ha fatto, per certi versi, la storia del cinema all’italiana… Tomas Milian, il mitico ispettore Giraldi, colui che in ogni film in cui vi era anche Bombolo non potevano non volare sganassoni al poveraccio pasticcione di Bombolo appunto. Con lui tutta una serie di film che ancora oggi vengono riproposti e che hanno il loro nutrito pubblico, viene a mancare oltre che alla sua persona.

E’ indiscutibile che il tempo inflessibile passa e porta via piano piano, piccoli pezzi della nostra storia, dei nostri ricordi e vengono a mancare quelle figure a cui siamo particolarmente affezionati (televisivamente parlando) e che ci hanno accompagnato nella nostra crescita…

Chissà se avranno affrontato l’ultimo viaggio insieme, sotto braccio l’un l’altro, magari raccontandosi vicendevolmente aneddoti e  storie della loro vita privata, pubblica e artistica..

Di sicuro c’è che Topo Gigio, rimasto solo, piange… e con lui anche alcuni di noi…

Namasté, Alé

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*