Tu salvala come puoi… Si tratta della tua vita, della tua cultura, del tuo sapere e di quanto è stato prima e sarà dopo di te…

Con i tempi che corrono è importante, visto quanto già accaduto in Paesi in cui incombe da anni una guerra senza fine, cercare di salvaguardare il sapere, quello che siamo stati, quello che abbiamo scoperto e come…

Lo si fa con le fotografie, lo si fa con le emozioni, si cerca di farlo con tutto dunque perchè non pensare anche alla cultura?

In Germania, vicino a Friburgo, c’è un complesso di tunnel sotterranei dov’è conservato in un grosso archivio di microfilm il patrimonio storico e culturale del paese, nel caso in cui una guerra o un grande disastro naturale mettessero in pericolo tutti gli altri archivi, musei e biblioteche esistenti.

E noi in Italia, che vantiamo di avere un patrimonio unico nel suo genere di cultura cosa abbiamo o stiamo facendo? Anche nei borghi più piccoli, quelli più sconosciuti, anche fra le nostre montagne c’è tantissima cultura e storie che meriterebbero essere preservate e salvate e invece….

I microfilm, che sono un supporto di pellicola fotografica, permettono di conservare i documenti in formato ridotto, da 15 a 48 volte rispetto all’originale; continuano a essere usati nonostante l’esistenza di supporti digitali perché per leggere i microfilm basta avere un po’ di luce e una lente di ingrandimento. Gli archivi digitali invece pongono parecchi problemi in una prospettiva futura: primo tra tutti quello dell’obsolescenza progressiva dei supporti fisici in cui sono contenuti, quella per cui oggi sarebbe estremamente difficile leggere i dati all’interno di un floppy disc.

Ancora una volta una bella idea che forse non sarebbe così tanto sbagliato provare a pensare di eguagliare in qualche modo… (sperando di non arrivare troppo tardi…) e di non trovarci in difficoltà come in altre situazioni in cui abbiamo perso per sempre storie, storia e cultura che verrà (chissà poi quando) sostituita da riproduzioni modello “made in China”…

...::: Spot - Reclame - Banner :::...

Ne abbiamo un esempio anche in Italia di quanto il territorio fragile abbia posto, specie per mancanza di adeguati interventi di mantenimento e manutenzione, (ma anche per eventi naturali imprevedibili) a dura prova archivi (alluvione anni fa…), strutture (vari terremoti) e non solo…

Chissà quando ci accorgeremo di quanto stiamo perdendo giorno dopo giorno senza nemmeno accorgercene…

Un pensiero su “Tu salvala come puoi….”

Lasciami la tua opinione :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: