Una camicia per il Re…

la-camicia

Invito tutti a leggere nelle prossime righe una novella che si presta a tutti.. Ricchi di denaro e poveri di spirito (e viceversa o entrambe)…
Credo che possa concedere a chi se lo merita sereni sogni, e a altri una doverosa riflessione…. Quando si dice nati con la camicia (e non accorgersene o rendersene conto quando serve….)

Buona lettura!

(Tratta da una novella di L.Tolstoy)

C’era una volta un re malato di malinconia: diceva d’avere già i piedi nella fossa, scongiurava di salvarlo, e prometteva metà del suo regno a chi gli avesse portato sorrisi e felicità. I Saggi e i cortigiani si riunirono per cercare il modo di ridare lasalute al re. Non erano però capaci di trovare il rimedio. Fu chiamato anche il Vecchio della montagna, il quale dichiarò: –Bisogna trovare un uomo felice, togliergli la camicia e farla indossare al re. Solo così il re può guarire.
Immediatamente partirono cercatori per ogni parte del regno. Fu suona ta tromba delle città, nei paesi, nei villaggi ma gli essere felici non si fecero innanzi.
 Chi era ricco, stava male; chi era sano, viveva nella miseria; chi era ricco e sano aveva una cattiva moglie o non andava d’accordo con i figli, chi la stalla appestata, chi il pollaio in rovina. I cercatori tornarono a Corte, avviliti e delusi.
Una sera però, il figlio del re si trovava a passare davanti ad una povera capanna e sentì una voce che diceva:
– Ti ringrazio, buon Dio! Ho lavorato, ho sudato, ho mangiato di buon appetito, ed ora mi riposerò tranquillo su questo letto di foglie. Sono proprio felice! -.
Dunque, c’era un uomo felice! Il giovane principe volò a palazzo. Chiamò le guardie e ordinò ci andare immediatamente a prendere la camicia di quell’uomo felice. _Dategli quanto denaro vuole…fatelo barone, conte, duca, ma ceda la sua camicia.-
Corsero le guardie alla povera capanna e offrirono al boscaiolo una fortuna. Macchè…L’uomo felice era così povero che…
non aveva neanche una camicia.

(fonte: mairitombako.wordpress.com)

Come sempre…meditate gente… meditate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*