young funny african american woman grimacing in studio

Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

Spesso, vuoi per curiosità, vuoi per sfida, ci domandiamo quali siano le cose impossibili da fare.

Esistono dei movimenti che sono impossibili all’essere umano.

Ve ne elencherò alcune ma evitate di sperimentare lo starnuto ad occhi aperti, che può risultare davvero molto pericolo. Quindi non provateci nemmeno!

Leccarsi il gomito.

Un gesto davvero impossibile, poichè richiede una mobilità eccessiva dell’omero. I bambini sono più snodati, ma anche nel loro caso, rimane un gesto che per proporzioni è impossibile da eseguire. Provare per credere.

Usare tutte le dita tranne il medio.

il dito medio è legato infatti allo stesso tendine dell’anulare. Bloccando il medio, l’anulare non riesce a muoversi liberamente. Viceversa invece è possibile.

Muovere le orecchie una alla volta.

A differenza degli animali, nell’uomo questo movimento è impossibile poichè l’area del midollo spinale nella parte inferiore del cervello è poco sviluppata.

Starnutire con gli occhi aperti.

Ad ogni starnuto parte un riflesso automatico che ci fa chiudere gli occhi. Il riflesso in questione sarebbe incondizionato per ripararci dai batteri. Inoltre lo starnuto ha una velocità media di 250 km/h. Per quello fa malissimo starnutire chiudendo la bocca!

Ruotare mani e piedi in senso opposto.

Quasi nessuno riesce a compiere due azioni nel senso opposto. Se giriamo il piede in senso anti-orario e la mano in senso orario, il piede cambierà direzione. Per riuscirci bisogna allenarsi. Solo chitarristi o batteristi sono in grado di farlo, dopo tanti tanti anni.

Toccare un oggetto freddo e uno caldo ad occhi bendati.

la vista è fondamentale, più di quello che crediamo. Il cervello, senza il supporto del senso visivo, ordina immediatamente al corpo di ritirare le mani perchè non percepisce cosa si sta toccando.

Girare su se stessi e chiudere poi gli occhi.

se si compiono 5 giri su se stessi e poi all’improvviso si chiudono gli occhi, si avrà la sensazione di compiere un ulteriore giro. Il cervello, senza il supporto della vista, si affida alle orecchie dove risiede il controllo dell’equilibrio.

Questi sono solo alcuni esempi.

Indubbiamente i più conosciuti ma anche i più strani se ben pensate.

Se ne avete altri da suggerire, lieto di aggiungerli!