man in gray hoodie using black laptop computer

Photo by Antoni Shkraba on Pexels.com

Mai come in questo periodo, la sicurezza informatica, è assolutamente importante.

Esiste proprio un principio, universalmente accettato, secondo cui le password vanno cambiate periodicamente (ogni 3-6 mesi).

Questo in molti casi è addirittura un obbligo (password aziendali, Internet banking, ecc.).

Uno degli errori tipici che non bisognerebbe fare nella scelta di una password è quella di inserire i propri dati, oppuere utilizzare una password (per comodià e per pigrizia) per diversi servizi.

Si prende sempre troppo alla leggera questa cosa. L’ho commesso anche io questo errore…

Il problema è poi cercare di correre ai ripari, specie quando si è oggetto di attacchi continui da parte di male intenzionati.

Quando si imposta una password, compaiono spesso barre colorate rosso/giallo/verde (o semafori) che ci indicano se la password scelta è sufficientemente forte.

Dovrebbero essere sistemi che misurano il livello di sicurezza della password, ma sono spesso poco affidabili.

Potrebbe succedere che una password composta da: nome, cognome e data di nascita possa avere un punteggio elevato (perché lunga), sebbene in quanto a sicurezza sia pessima.

Mentre una password con caratteri casuali, ma più breve, sarebbe considerata insicura!

Quindi: scegliamo la password una volta sola, ma che sia ben robusta!

Esistono diversi siti e programmi che permettono di creare delle password efficaci che possono quindi essere utilizzate al fine di proteggere i nostri account vari, siano essi dei social che di servizi vari.

E’ bene fare attenzione a scegliere una password adeguatamente lunga e complessa e, come detto prima, che non contenga dei riferimenti a noi cari o facilmente intercettabili.

Provateci e poi mettetevi un promemoria al fine di modificare o cambiare le password per prevenire attacchi o spiacevoli inaspettate sorprese.

E con questo, senza voler creare allarmismi, vi auguro una buona prosecuzione e una buona navigazione.

Credetemi. A volte basta poco per poter vivere digitalmente in maniera più serena e meno problematica.