Home » Aosta – Criptoportico

Aosta – Criptoportico

Se siete in Aosta città, e ne avete la possibilità, non potete non visitare il Criptoportico.
E’ sito nel cuore di Aosta ed è facilmente raggiungibile. Basta seguire le indicazioni che vi portano alla Cattedrale della città.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una volta raggiunta la piazza della cattedrale, guardandola standoci di fronte, vedrete che sulla destra è sito una sorta di piccolo parchetto che vede al suo centro una secolare pianta.
Quando aperto e frequentabile si entra proprio da una scalinata posta nella zona perimentrale che vi accompagna non solo in quel parchetto ma anche all’ingresso del criptoportico.

È costituito da una galleria a due navate articolata su tre lati che abbraccia un ideale rettangolo Le volte sono sostenute da imponenti pilastri in travertino. È sostenuto da una serie di archi che dividono le due navate.

Una delle particolarità del criptoportico di Aosta è che questo si articola in tre bracci disposti a ferro di cavallo e internamente divisi in due navate voltate a botte con una sequenza centrale di archi ribassati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quando fu fondata la città, nel 25 A.C. ci fù la prima parte della costruzione del criptoportico.
Si può supporre ragionevolmente che i criptoportici possano essere stati adibiti come ambienti dotati di una doppia funzione; sia  politica che  liturgica, anche se in modalità particolare.

Possiamo quindi dire che si può considerare il criptoportico come una sorta trait d’union, di punto in comune, tra il sacro (l’area sacra e i relativi edifici templari) ed il profano (cioè la vera e propria “pubblica piazza”).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come sembrano poi documentare alcune carte  che si riferiscono al periodo medievale, le strutture del criptoportico continuarono ad essere utilizzate anche nei secoli successivi.

Subiscono infatti varie mutazioni sono ad essere trasformate in cantine e denominate, per consuetudine popolare, “Marché des Romains”. (mercato dei romani).

Oggi è una piccola bomboniera, come tanti altri luoghi incredibili della città incastonata fra le Alpi, e che merita di essere visitata in quanto riesce a restituire emozioni particolari, sia per la sua conformazione, resistita negli anni, sia per il buono stato in cui si presenta agli occhi di scolaresche e visitatori e visitatrici incuriositi.

Per maggiori informazioni, sia sugli orari che sulla possibilità di visitare o meno il criptoportico, vi alleghiamo i contatti a cui fare riferimento.

 

Criptoportico forense
Piazza Giovanni XXIII
11100 AOSTA (AO)
Telefono:
(+39) 335 7981505

Le foto nel presente post appartengono tutte a FMTECH.
Fotni: Wikipedia, sito R.A.V.A., sito lovevda.

fmtech

Torna in alto