Ciao! Voi come state?
E’ una domanda che vorrei porre spesso a diverse persone e che mi rendo conto che non lo faccio… (e me ne scuso…)

Pongo questa domanda in forma generica perchè davvero sono tante, non troppe, le persone a cui dovrei rivolgermi…

In questo nutrito gruppo di persone contemplo le amicizie, le conoscenze, le persone attente all’andamento quasi giornaliero e conosciuto del mio vissuto e coloro che semplicemente ne sono curiose o cercano di seguire per il gusto o il piacere di farlo…

Solitamente è la tipica frase con cui si inizia un dialogo fra conoscenti… quando non ci si vede o non ci si sente da un pò di tempo e ci si sincera sullo stato del nostro interlocutore/trice nella speranza, il più delle volte, che la risposta sia abbastanza positiva… E’ una formula prudenziale per interrogarsi e interrogare chi abbiamo di fronte per colmare il vuoto temporale che ci ha in qualche modo separato dall’ultimo confronto/chiaccherata, e a cui ci rivolgiamo con interesse per capire, nel frattempo, cosa sia avvenuto…

Onestamente credo che saranno poche le persone a rispondere a questa mia seria e convinta domanda, ma vale la pena di vedere coloro che lo faranno cosa mi diranno.. quindi ripropongo la domanda… “Ciao! Voi come state?” proprio nella speranza di risposta e di vedere chi e cosa mi risponde…

Che dire? Bella gente… buona giornata, splendida per voi e perchè no anche per me… e come sempre rivolgo a voi il consueto augurio… Namastè, alè!

Di fm-web

Scopri di più da FMTECH

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading