La storia della Befana è molto antica e le sue origini sono ancora oggi oggetto di dibattito. Secondo alcuni studiosi, la Befana deriverebbe da figure mitologiche precristiane, come la dea greca della magia, o la dea romana Strega.

Altri invece ritengono che la Befana sia nata in seguito alla fusione di diverse tradizioni, tra cui quella cristiana dei Re Magi e quella pagana della figura della strega.

La versione più diffusa della storia della Befana è quella che la vuole come una vecchietta che, incontrando i Re Magi lungo il loro viaggio verso Betlemme, si offre di accompagnarli. Tuttavia, la Befana si perde per strada e, quando finalmente arriva alla grotta dove si trova Gesù Bambino, è ormai troppo tardi. Per questo motivo, la Befana decide di portare doni ai bambini di tutto il mondo, nella speranza che uno di loro sia proprio Gesù.

La Befana è una figura molto popolare in Italia, dove viene festeggiata l’Epifania, il 6 gennaio. In questo giorno, i bambini lasciano le calze appese al camino o alla finestra, in attesa che la Befana le riempia di doni. Se i bambini sono stati buoni, la Befana riempirà la calza di caramelle, biscotti e altri dolcetti. Se invece i bambini sono stati cattivi, la Befana riempirà la calza di carbone o altri oggetti non graditi.

L’impatto della Befana sulla cultura italiana è molto significativo. La figura della Befana rappresenta infatti la generosità, la bontà e la speranza. È una figura che dona ai bambini la gioia e l’attesa di un giorno speciale.

Purtroppo, negli ultimi anni si è diffusa la brutta abitudine di fare battute di cattivo gusto affiancando la figura della Befana alle donne. Queste battute, spesso sessiste e offensive, contribuiscono a perpetuare gli stereotipi negativi sulle donne.

È importante ricordare che la Befana è una figura che rappresenta tutti i bambini, indipendentemente dal loro sesso. È una figura che trasmette valori positivi, come la generosità, la bontà e la speranza.

Trovo chee sia importante contrastare la diffusione di battute di cattivo gusto che offendono la figura della Befana e le donne in generale.

Queste battute sono offensive perché associano la Befana, una figura positiva e amichevole, a stereotipi negativi sulle donne.

È importante ricordare che le battute di cattivo gusto non sono solo offensive, ma possono anche avere un impatto negativo sulla società.

Per esempio, queste battute possono contribuire a perpetuare gli stereotipi negativi sulle donne, che possono poi portare a discriminazioni e violenze.

Ma poi… vi sembra logico che si facciano, proprio perchè siamo nel 2024, ancora battute di questo tipo?

Credo che anzichè essere simpatici si passi per ignoranti (per non dire altro…)

Voi cosa ne pensate?

Ah! A proposito…. che cosa vi ha portato la Befana? Carbone o dolci?

Di fm-web

Scopri di più da FMTECH

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading